Approfondimenti

ULTRASCREEN

Il bi-test e della traslucenza nucale fetale assieme danno luogo all’ultrascreen.
Con un prelievo del sangue e un’ecografia è possibile scoprire se il feto è affetto da anomalie cromosomiche, in particolare da Trisomia 21,o Sindrome di Down.

L’ultrascreen è una metodica non invasiva di screening (genera una statistica) atta a rilevare la presenza di difetti del corredo cromosomico del feto, basata sui risultati del bi-test, un’esame ematochimico e la misurazione della traslucenza nucale fetale ovvero un’ecografia. Gli studi hanno confermato inoltre che l’associazione di questi due esami consente un’analisi sempre più accurata e una diminuzione della percentuale dei falsi positivi “

Contatti